venerdì 18 agosto 2017

Piombo e Bamba


48 ore di Ghost Recon: Wildlands e, come potete vedere dall'immagine che apre questo post, sono arrivato a metà del gioco, o meglio sono arrivato alla fine, visto che la missione per colpire El Sueno, il boss del cartello Santa Blanca e' a questo punto accessibile.

Nelle sessioni di gioco degli ultimi giorni ho fatto un piccolo esperimento e ho scoperto che se si evita di perdere un botto di tempo nelle noiose attività collaterali che Ubisoft ha disseminato per la mappa (di cui mi lamentavo nell'ultimo Now Playing) e ci si limita a godersi le missioni della storia, GR:W e' veramente un gran bel gioco, e se ne può apprezzare appieno il gusto.


Del resto per giocare in "scioltezza" (lo potete vedere sopra) fino ad ora mi e' bastato un G36C ed un fucile di precisione a caso, inutile quindi continuare a perdere tempo a dare l'assalto a basi e avamposti nemici per raccogliere le casse di armi e upgrade sparsi per la mappa....

A questo punto il dubbio e': che fare? Rimanere in Bolivia e smantellare gli altri 2 rami rimanenti dell'organizzazione criminale (Contrabbando e Sicurezza) o decapitarla una volta per tutte e vedere l'End-game?
Il cuore sarebbe per la prima ipotesi, ma la mente spinge ovviamente per la seconda: del resto le ferie sono oramai finite (Lunedì mattina si torna al lavoro), quindi non avrò più lo stesso tempo a disposizione per giocare, e soprattutto, a giorni dovrebbe arrivare Uncharted: The Lost Legacy, che vorrei godermi con calma prima di ributtarmi su gli ultimi 2 titoli del Piano 2017.


Nessun commento :

Posta un commento